Iscrivimi a NotizieInRete - Invia NotizieInRete ad un amico - Non vedo bene NotizieInRete, la consulto su web -

NotizieInRete 363 - 12 gennaio 2014 - Newsletter del Consorzio Nazionale Idee in Rete

 

info@ideeinrete.coop - www.ideeinrete.coop

 

Aderente a

Da non perdere

NotizieInRete 150 anni di coesione e integrazione sociale

I quaderni di Idee in Rete

1 - Idee in Rete, l'impresa sociale che non ti aspetti

2 - Dal libro verde al libro bianco

3 - Rassicura

4 - La cooperazione sociale in ambito sanitario

A portata di mano

I soci e le cooperative

Contatti e Amministratori

Lo statuto e Il regolamento

Il nostro 11 settembre

I fatti di Parigi rappresenteranno, con ogni probabilità, l'11 settembre dell'Europa. La data in cui difficilmente tutto può essere come prima, in cui si sviluppa la percezione che vi è un nemico, che è accanto a noi, che può colpirci in ogni momento e che quindi per combatterlo non si può andare troppo per il sottile.  In forme grezze o evolute, parlando con intellettuali o persone di strada, le ragioni dell'integrazione avranno un nuovo formidabile nemico. Insomma, proprio quello che i terroristi vogliono, una tendenza montante allo scontro di civiltà, sorda alle argomentazioni di buon senso.

Buon 2015!

Riflessioni per una cooperazione autentica

Era il 2011 quando l'Italia si stupì di una capacità di mobilitazione da lungo tempo assente, con 4 referendum abrogativi approvati dopo 24 questi miseramente rimasti sotto il quorum nei precedenti 14 anni. Mesi drammatici, certo, nell'estate dello spread, ma con la sensazione che forse qualcosa stava per cambiare.

Sarebbe lungo ripercorrere speranze e disillusioni che si sono da allora in poi succedute: le tante volte in cui media portati alla facile compiacenza hanno incensato i nuovi salvatori del momento capaci di far intravedere la luce in fondo al tunnel e in cui i dati effettivi hanno riportato il Paese alla realtà, simile a se stesso e un po' più disilluso di prima. Da un crescendo di slogan roboanti - l'Italia salvata, cresciuta, sviluppata - agli immaginifici tweet dei giorni nostri, chi governa cerca enfasi sempre un po' più sopra le righe per cittadini sempre più assuefatti alle promesse di cambiamento radicale, di rinnovamento, di rivoluzione, di stravolgimenti epocali; e ogni volta il cittadino prova a sperarci, a credere che sia la volta buona, salvo poi far montare la rabbia quando invece le cose vanno diversamente, una rabbia che a quel punto non distingue più tra cose buone e cattive e trova bersagli casuali, rabbia che monta, colpisce a caso e si sgonfia (si pensi ai c.d. "forconi" che un anno fa tennero in scacco una metropoli per tre giorni e dopo dodici mesi si ritrovarono in dieci in piazza) E così ecco le elezioni regionali di novembre, con l'affluenza sprofonda sotto il 40% e i votanti che diminuiscono in Emilia Romagna di oltre 30 punti percentuali (!). Ed ecco le statistiche di Demos, che da alcuni anni (insieme alla simile indagine di Eurispes, la cui nuova edizione sarà pubblicata a fine gennaio e che evidenzia comunque numeri simili) misurano la fiducia degli italiani nelle istituzioni. 

 

 

Risultati mortificanti oltre ogni limite. Scontata la debacle dei partiti - il 3% accorda loro fiducia, insomma, il 90% di chi vota, probabilmente, lo fa turandosi il naso, per timore di esiti troppo distanti da quelli auspicati - e del Parlamento, di cui si fidano solo il 7% degli italiani, cadono le istituzioni più vicine ai cittadini, come i comuni e la Regione. Cadono i sindacati, sia quelli collaborativi che quelli antagonisti. Sprofonda più di tutti il Presidente della Repubblica, il simbolo primo del rinnovamento mancato, del potere che si perpetua sempre più uguale a se stesso, ostinato pervicace, anche quando il cambiamento sembrava dietro l'angolo e dell'istituzione che ha perso la sua terzietà per diventare giocatore e insieme il suo ruolo. 

 

 

Ma nel calo di fiducia verso la più alta delle istituzioni vi è anche qualcosa di più profondo: la sfiducia nell'istituzione stessa con l'indice complessivo mostra valori dimezzati in un decennio. E, se l'istituzione è marcia, ecco il dato più preoccupante: quel terzo di italiani che non crede più nella democrazia e che prende in considerazione più o meno esplicitamente sistemi autoritari. E dunque, con che occhi guardiamo ai prossimi mesi? I dati Demos restituiscono un Paese che valuta negativamente il 2014 e guarda con sempre meno fiducia al 2015: peggiore e con meno fiducia nell'effettiva possibilità di cambiamento sui temi di maggiore importanza.

 

 


In questi stessi giorni Iris Network diffonde il Terzo rapporto sull'Impresa sociale (executive summary - rapporto completo; vedi spazio a fianco); i suoi estensori, Flaviano Zandonai e Paolo Venturi, scrivono, nel presentarlo: "Tornare a fare politica, anche per l'impresa sociale. Potrebbe suonare come uno slogan provocatorio, ma crediamo che per molti imprenditori impegnati a soddisfare "l'interesse generale" delle comunità, delle famiglie e dei cittadini possa essere una buona notizia. Il terzo settore, e con esso l'impresa sociale, è infatti al centro del progetto di riforma strutturale del Paese …". Sapendo che "fare politica" è l'esatto contrario del "vivere di rapporti con la politica" della mafia capitale: nel primo caso ci si pensa come attori di trasformazione, nel secondo si accondiscende allo status quo in cambio del successo economico. 

Ma viene in mente anche quanto evidenzia nelle sue ricerche Luca Fazzi: la dimensione della giustizia sociale - il porsi il problema di allargare la fruizione dei diritti sociali ai cittadini - non è scontata per le cooperative sociali, non è una parte costitutiva e universalmente fondante dell'essere cooperativa sociale; nel campione da lui esaminato il 58% ha smarrito questo orientamento, sacrificato o ad una visione meramente mutualistica rispetto ai lavoratori o a ad un approccio in cui ogni responsabilità in merito alle istanze di giustizia è riversato sul soggetto pubblico, di cui la cooperativa si raffigura come braccio esecutivo. 


Una crisi che, oltre che economica, è morale, di valori e di prospettive, in cui ad uno ad uno i riferimenti ideali cadono miseramente, in cui gli innamoramenti per il salvatore di turno si fanno tanto intensi quanto brevi, in cui il Paese oscilla tra rabbie e sfiduciato adattamento, ciclicamente sensibile - e le tragedie di questi giorni non faranno che rafforzare queste derive - ai richiami che riversano sul nemico esterno l'origine dei mali: qui lavoreremo in questo 2015, con un capitale fiduciario di partenza che - stando ai dati Eurispes di 12 mesi fa (vedremo tra due settimane quelli attuali) - è tra i più alti, insieme (dati Demos, invece) a quelli di Papa Francesco. Insomma una grande responsabilità di cui spesso si è poco consapevoli: che non è solo quella di gestire al meglio i servizi, ma di fornire senso e valori ad un Paese disorientato.

Questa settimana NotizieInRete segnala due riflessioni centrate sulle strade per far emergere e promuovere una cooperazione autentica e isolare le degenerazioni.

 


Far emergere la buona cooperazione: con quali strumenti? - Pierluigi Ossola e Aldo Romagnolli

Un’amministrazione basata su patti trasparenti ispirati al principio di sussidiarietà anziché ad appalti solo apparentemente imparziali, perché “la sfida principale da affrontare per quanto riguarda il welfare consiste nel sostituire la pratica della concorrenza con quella della collaborazione tra i vari soggetti che sono impegnati a sostenere le persone in difficoltà”; e una rivisitazione profonda dei meccanismi decisionali nelle organizzazioni cooperative, dove devono essere presenti meccanismi di rotazione che impediscano “cariche a vita” e una forbice delle retribuzioni contenuta, così che non si creino i presupposti per posizioni di interesse personale inappropriate.

Questi i due elementi di un articolo, inviato a NotizieInRete da Aldo Romagnolli e Pierluigi Ossola. E poi ancora la necessità di diffondere trasparenza, perché, pur nella consapevolezza che nulla è di per sé risolutivo e che al miglior bilancio sociale possono corrispondere le peggiori prassi, “non si può chiedere ai soci di essere reali “padroni” della loro cooperativa se questa non è per tutti loro una vera casa di vetro e non si può chiedere ai cittadini di comprendere davvero, dare la  propria fiducia e sostenere qualcuno quando questo non sente come prioritario il dovere di investire in trasparenza e condivisione”. Tutto ciò assume pregnanza se si inserisce in un sistema di controllo comunitario dove “i falsi devono essere sanzionabili non da enti certificatori, ma dai soci, dai cittadini e da tutti quei soggetti che, in primo luogo nell'ambito di patti di sussidiarietà, vengono danneggiati da falsi e corruzione”.

Leggi l'articolo


Per la società degli onesti - Dino Barbarossa

Tanto è stato forte l’impatto anche emotivo dei fatti di Roma, tanto è netta la reazione nel mondo cooperativo autentico, come testimonia questo intervento di Dino Barbarossa, cooperatore della nostra rete. Il problema è che “fra la prima, la seconda e, forse, la terza repubblica nulla è cambiato. Le operazioni di pulizia – peraltro nate sempre da un’esemplare azione giudiziaria e mai da processi democratici – hanno consentito unicamente una “mutazione” generazionale degli attori di questo terribile spettacolo. … Lo schema del “favor” che è all’origine di tutti i mali, che è il tipico stile mafioso con cui “ti faccio una cortesia e poi una seconda, fino a che mi sei debitore”; è lo stile ricattatorio degli strozzini; è lo stile violento degli esattori del pizzo; è lo stile suadente dei politici e dei potenti affaristi; è lo stile di una società basata sull’affermazione del più forte sul più debole.” Ma, insieme a queste constatazioni, un messaggio decisivo di fiducia: “non dobbiamo rassegnarci all’idea che si può essere onesti. Non esiste solo l’affermazione di se stessi attraverso la prevaricazione dell’altro, ma esistono principi e valori forti intorno ai quali si costruisce il vivere civile: la solidarietà, la tolleranza, l’accoglienza. Esiste la società degli onesti, molto più numerosa."

Leggi l'articolo

 

Biennale della Prossimità, lavori in corso

8 gennaio, full immersion a Milano della rete dei promotori, per impostare programma della nuova edizione e organizzare le attività. Anche la Biennale 2015 farà leva su linguaggi diversi, seminari, spettacoli, spazi di presentazione dedicata, video, iniziative di animazione per favorire la conoscenza e la relazione tra aderenti e cittadini. Fil rouge dei vari linguaggi e iniziative ... la prossimità! Spazio alle vostre idee e suggerimenti: sono aperte le iscrizioni per cooperative, associazioni, artisti, gruppi di cittadini organizzati, centri di socialità, luoghi di attivismo a cui si chiederà di animare le strade e le piazze del centro di Genova con proposte culturali, laboratori rivolti alla cittadinanza, testimonianze di protagonisti, momenti artistici e occasioni di confronto e approfondimento.

 

IRIS Network, terzo rapporto sull'impresa sociale

executive summary - rapporto completo

 

   

Terzo settore - imprenditorialità sociale

Salute

Migranti

Lavoro

Politiche sociali

Impresa

Italia