Iscrivimi a NotizieInRete - Invia NotizieInRete ad un amico - Non vedo bene NotizieInRete, la consulto su web -

NotizieInRete 371 - 9 marzo 2015 - Newsletter del Consorzio Nazionale Idee in Rete

info@ideeinrete.coop - www.ideeinrete.coop

Aderente a

Da non perdere

NotizieInRete 150 anni di coesione e integrazione sociale

I quaderni di Idee in Rete

1 - Idee in Rete, l'impresa sociale che non ti aspetti

2 - Dal libro verde al libro bianco

3 - Rassicura

4 - La cooperazione sociale in ambito sanitario

A portata di mano

I soci e le cooperative

Contatti e Amministratori

Lo statuto e Il regolamento

IRIS Network, l'innovazione sociale premiata alla prova

Utile contributo di IRIS Network, che pubblica un articolo dove racconta gli sviluppi di alcuni esempi di innovazione sociale frutto di idee premiate nella competition "A new social wave". Qual è stato il destino delle 5 proposte finaliste del 2014? Hanno effettivamente iniziato il proprio cammino di impresa? Con quali risultati? Nell'articolo possiamo seguire gli sviluppi di Orti Alti, un progetto per gestire orti di comunità sui tetti degli edifici, Abito e Casa alla Vela, due proposte sul tema dell'abitare basate sulla collaborazione, Misura per misura, una proposta di sartoria artigianale basata sul co working, Bergamo mind your city, un progetto di rigenerazione urbana.

Nell'articolo la descrizione dei progetti e i link per approfondire.

Grazie a... 636 mila donne che lavorano ogni giorno nel terzo settore, circa i 2/3 degli occupati totali (dati Istat)

Orrore in Gran Bretagna (e orrenda informazione ovunque)

Legge delega, le prime scelte. Luci ed ombre

Nel corso della settimana i media online hanno riportato una notizia di cronaca nera proveniente dall'Inghilterra. Ci sono tutti gli ingredienti per una storia che sembra inventata per eccitare le più cupe passioni dei lettori, spendibilissima per trasmissioni con tanto di plastico, psicologo e opinionista tuttologo: delitto familiare, una madre psicologicamente disturbata che uccide la propria figlia dopo efferati maltrattamenti.

Ma i titolisti hanno trovato ulteriori spunti per confezionare una notizia da migliaia di click: l'autrice del delitto, ci informano prima di ogni altra cosa, è "lesbica e musulmana". 

Dalla lettura degli articoli si evince chiaramente come tali due caratteristiche nulla abbiano a che vedere con il delitto commesso: l'autrice non intendeva mettere in atto una forma di jihad (semmai c'entrano fenomeni di ossessione religiosa non legati ad uno specifico credo e più di tutto un evidente disturbo mentale) e il fatto che la compagna fosse un'altra donna anziché un uomo non ha alcun legame con i fatti in questione.

Ci si potrebbe chiedere se l'immagine sopra riprodotta, pur ripresa da uno dei maggiori portali mondiali, sia un caso isolato, una gaffe individuale, un copia incolla maldestro da un'agenzia . No, non è così. Basta una veloce ricerca su internet per rendesi conto di come numerosi siti, anche di media professionali e di rilievo, abbiano riportato la notizia esattamente negli stessi termini: lesbica e musulmana.

 


ricerca in italiano

ricerca in inglese


 

Viene fin troppo semplice chiedersi, con buona pace dell'UNAR, come reagiremmo ad un titolo "Eterosessuale cattolico rapina una banca" o "Eterosessuale cristiano uccide la moglie e i figli" e simili.

Circa il bagaglio culturale evocato ci si potrebbe scrivere a lungo (musulmano = violento; musulmano = fanatico; omosessuale = torbido e pervertito, "The lesbian lover who brainwashed the «perfect mum» into killing her daughter", titola un media inglese; ecc.), ma probabilmente per i lettori di Notizieinrete non è così necessario.

Contraddizioni di una società linda in superficie, dove regna anche ossessivamente il politicamente corretto, e pochi metri più in basso, dove si snoda la fogna a cielo aperto dei pregiudizi più sudici.

 

 

Infocontinua, per rimanere aggiornati sul terzo settore

I riferimenti alla discussione del DDL delega sono tratti da Infocontinua, un sito di informazione sul terzo settore frutto di una collaborazione tra  Forum Terzo Settore, Consulta volontariato presso Forum, CSVnet e Convol.

La sezione News contiene notizie aggiornate settimanalmente sia relativamente ad aspetti amministrativi e gestionali che a rapporti, ricerche e informazioni di natura culturale che riguardano il terzo settore.

Sono presenti inoltre approfondimenti e documentazione.

Uno strumento utile per tutti coloro che operano nel terzo settore.

Alcuni contenuti richiedono la registrazione.

La Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati ha iniziato la discussione del DDL delega di riforma del Terzo Settore. Si tratta quindi di una discussione preliminare a quella che dovrà avvenire nelle aule parlamentari, che però è utile seguire perché inizia a delineare gli orientamenti dei parlamentari impegnati nella discussione. Proviamo ora a sottolineare alcuni dei punti di maggiore rilievo, concentrandoci su due aspetti, la vigilanza e l'impresa sociale.

Art. 2bis (Vigilanza, monitoraggio e controllo)

Vigilanza e controllo, no all'Authority: il tema dei controlli e della vigilanza è tra i temi più delicati, anche a causa dei noti scandali che hanno interessato organizzazioni di terzo settore. Un primo aspetto riguarda il soggetto cui porre in capo le funzioni di vigilanza. A questo proposito relatrice e Governo non considerano opportuna l’istituzione di un’Agenzia di settore o di una Autorità indipendente in quanto, secondo la relatrice,  “una vigilanza efficace su una platea così vasta richiederebbe una struttura di dimensioni rilevanti, con conseguenti problemi nell’individuazione delle risorse necessarie”; le funzioni di controllo sono invece affidate al Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali. Su questo punto si segnalano prese di distanza significative, come quella di Zamagni che su Vita considera questa scelta un grave errore, figlio di una mentalità inguaribilmente statalista e dirigista: insomma, il terzo settore sarà pure il "primo", ma è posto sotto il "secondo" anziché sotto un'autorità terza.

Vigilanza e controllo, valorizzato l'autocontrollo: di segno diverso i commenti su un altro elemento introdotto nella discussione in Commissione, la previsione di "forme di autocontrollo degli enti di terzo settore" anche chiamando in causa gli organismi maggiormente rappresentativi e i CSV per supportare gli enti di minori dimensioni; su questo tema si legge ad esempio un commento favorevole del Forum del Terzo Settore.

Vedi qui su Infocontinua l'articolo 2 bis 

Art. 4 (Impresa sociale)

E' iniziata la discussione sull'art. 4, quello relativo all'impresa sociale

Vediamo ora sinteticamente alcuni dei punti trattati, provando a comprendere gli orientamenti che ne emergono.

Contorcimenti che restano: il comma 1, lettera a) dell'art. 4, pur riformulato, continua ad essere quel contorcimento che inizialmente era: una frase involuta che tenta di mettere insieme tutto e da cui alla fine si capisce poco. Resta la posizione preminente (diversamente che per il resto del terzo settore, chissà poi perché) di un concetto strucciolevole e poco significativo da un punto di vista normativo come l'impatto sociale (ora non più definito "misurabile", ma poco cambia) che, proprio a voler contentare tutti, più che come obiettivo primario avrebbe meglio figurato in posizione più defilata (NotizieInRete ne aveva parlato qui).

I settori in più: i settori di attività ulteriori, che nel ddl originario erano demandati ai decreti attuativi, qui sono esplicitati. I settori aggiuntivi indicati sono di buon senso (commercio equo, servizi per l'impiego rivolti a lavoratori svantaggiati, microcredito, housing), resta - oltre al dubbio generale circa l'opportunità degli elenchi di attività, ma questo ci porterebbe lontano - una perplessità sull'opportunità di cementificare in una legge e non nei decreti una materia volatile e in evoluzione come i settori, che presumibilmente sono destinati a mutare in tempi molto più rapidi che quelli delle legiferazione.

Sindaci per tutte le imprese sociali: positiva l'estensione a tutte le imprese sociali anche non cooperative della necessità di dotarsi "di uno o più sindaci allo scopo di monitorare e vigilare sull’osservanza della legge e dello statuto da parte dell’impresa sociale, sul rispetto dei principi di corretta amministrazione e sull’adeguatezza dell’assetto organizzativo, amministrativo e contabile".

Il nodo dell'obbligatorietà: introdotta nel ddl Bobba Lepri di gennaio e ripressa nel ddl delega all'art. 4, comma 1, lettera b) ("revisione dell’attuale disciplina dell’attribuzione facoltativa della qualifica di impresa sociale") il testo è stato accantonato. Si scontrano due visioni differenti, da una parte quella secondo cui quando un'organizzazione di terzo settore fa attività economicamente rilevante deve definirsi come impresa, assumendone i diritti e i doveri, dall'altra le resistenze di una parte del terzo settore che ritiene gli obblighi che ne deriverebbero troppo gravosi. Ad oggi questo testo è stato rimosso.

E cosa se ne fa, l'impresa sociale, degli utili? Altro punto sensibile della normativa. Nel Bobba - Lepri di gennaio l'impresa sociale era un non profit a cui si accordava una flessibilità nella gestione degli utili analoga a quella in essere nel mondo cooperativo, nel ddl è una for profit a cui si pongono taluni limiti. Al di là della discussione sul punto di caduta concreto, che nei decreti attuativi potrebbe in linea di principio essere non troppo distante nelle due ipotesi, si tratta di una battaglia culturale non secondaria, su cui si confrontano visioni diverse (quella di NotizieInRete, senza esitazioni, favorevole al mantenimento dell'impianto non profit, pur con tutte le flessibilità del caso). La Commissione la scorsa settimana ha deciso di non parlarne ancora e di passare aventi, vedremo la prossima. 

Vedi qui su Infocontinua l'articolo 4 con gli emendamenti approvati

Vedi qui su Infocontinua il testo coordinato del DDL con emendamenti approvati al 6/3/2015

   

8 marzo e dintorni

Terzo settore - imprenditorialità sociale

Lavoro

Politiche sociali e Diritti

Salute

Impresa

Italia