Iscrivimi a NotizieInRete - Invia NotizieInRete ad un amico - Non vedo bene NotizieInRete, la consulto su web -

NotizieInRete 381 - 25 maggio 2015 - Newsletter del Consorzio Nazionale Idee in Rete

info@ideeinrete.coop - www.ideeinrete.coop

Aderente a

Da non perdere

NotizieInRete 150 anni di coesione e integrazione sociale

I quaderni di Idee in Rete

1 - Idee in Rete, l'impresa sociale che non ti aspetti

2 - Dal libro verde al libro bianco

3 - Rassicura

4 - La cooperazione sociale in ambito sanitario

A portata di mano

I soci e le cooperative

Contatti e Amministratori

Lo statuto e Il regolamento

Istat, la situazione del Paese

 

Istat presenta il rapporto annuale 2015; di seguito i link per tutti i materiali:

Capitolo 1 L'evoluzione dell'economia italiana: aspetti macroeconomici

Capitolo 2 Luoghi, città, territori: struttura e dinamiche di sviluppo

Capitolo 3 Il sistema produttivo: competitività e performance

Capitolo 4 Mercato del lavoro: soggetti, imprese e territori

Capitolo 5 La varietà dei territori: condizioni di vita e aspetti sociali

VOLUME INTEGRALE

Sintesi del volume Focus Grafici interattivi Precedenti edizioni

Biennale della Prossimità, ora per ora cosa avverrà a Genova dal 5 al 7 giugno

VENERDÌ 5 GIUGNO

Mattina

Ore 11,00-13,00 alla Commenda di Prè: ShareCoop: Cooperazione sociale e terzo settore di fronte alla sharing economy, con la presenza di Carlo Andorlini, coordina Angelo Bodra.

 

Pomeriggio

Ore 14,00 nella Sala San Salvatore in piazza Sarzano: I promotori e la Città di Genova aprono la Biennale della Prossimità 

ore 14,30, La parola a cittadini, enti pubblici e terzo settore. Con la presenza di Gregorio Arena, conduce Lucio Padovani

Ore 18,30 all’Altrove in piazzetta Cambiaso: Apericena, saranno con noi Davide Mattiello, Stefano Lepri, Giuseppe Guerini e Pietro Barbieri

Sera

Ore 21,00 Al Teatro Altrove: “Compleanno Afghano” del Teatro Cargo

Premio Le Acque dell’Etica | Premio Per voce sola, Ospite al Festival Segnali 2015


SABATO 6 GIUGNO

 

Durante tutta la giornata, più reporter riprenderanno in video e in foto, persone, eventi della Biennale della Prossimità

 

Mattina

ore 10,00-15,00 nei palchi in sei piazze della città: Presentazione di tutte le iniziative di prossimità. Troverai sul sito nei prossimi giorni la scaletta degli interventi in ciascun palco.

-  Alla Commenda di Prè: lavoro e inclusione: reddito, ecologia, lotta allo spreco, integrazione sociale, orientamento.

-  Al Teatro Altrove rigenerazione urbana e abitare: casa, botteghe, verde, impegno civico, mobilità e bene comuni.

-  A San Marcellino: culture e territorio: scambi, arti, viaggi, tempo libero, sport e scuole popolari, multi cultura.

-  Alla loggia di Banchi: educazione e creatività: sostegno alle persone, animazione aggregazione, pari opportunità

-  A Palazzo Verde: innovazione, comunicazione e condivisione dei saperi: nuove tecnologie, social media, radio, video, editoria, divulgazione

-  Ai Giardini Luzzati: qualità della vita e partecipazione: cibo, salute, servizi al cittadino, microcredito, finanza etica e banche del tempo

Pomeriggio

15,00 -19,00 nei vicoli del centro storico: Animazione e presentazione dei prodotti di prossimità in diretto contatto con i cittadini, flash mob, manifestazioni sportive, reading, eventi, artisti di strada, esposizioni, (tra cui, per i più piccoli,  Il Pifferaio di Hamlin, proposto dai nostri soci del Sestante). Ancora un attimo di pazienza, troverai presto tutto sul sito.

Ore 15,00-18,00 presso la Loggia di Banchi, Cibo e prossimità. Il cibo, occasione di relazione di prossimità e momento di scambio fra culture, nell’anno dell’expo

Coordina il presidente dell’Associazione Isnet, Laura Bongiovanni

 

Ore 15,00-18,00 a Palazzo Verde (via del Molo), Parliamo di rifiuti. Il ruolo della cooperazione di inserimento lavorativo nella gestione dei rifiuti.

Coordina il Presidente della cooperativa sociale La Formica, Pietro Borghini

Dalle ore 15,00 presso il Cinema alla Casa della Giovane – Piazza S. Sabina 4 (da Via delle Fontane, sotto a Piazza della Nunziata): La biennale della prossimità ha scelto 4 film che parlano di Genova, d’amore, di carcere, di lavoro, di strada, d’inclusione e di multiculturalità. Alla fine di ogni proiezione ci sarà un momento di discussione in sala.

- Ore 15,00: La bocca del Lupo

- Ore 17,00: Sogna ragazzo

- Ore 19,00: 40% le mani libere del destino

- Ore 21,00: Nessun Fuoco, Nessun Luogo

 

Ore 15,00-20,00 laboratorio social di Vico Papa: Video no stop. Verranno presentati tutti i video raccolti dai partecipanti. Ancora un attimo di pazienza, troverai presto tutto sul sito.

 

Dalle ore 19,30 in via della Maddalena Cena condivisa. Saranno presenti: Cristiano Gori e Edo Patriarca

Sera

ore 21,00 in piazza Don Gallo, Pop economix, ovvero da dove allegramente vien la crisi e dove va. Una produzione di Pop Economix, Banca Popolare Etica, Teatro Popolare Europeo e Il Mutamento Zona Castalia

Ore 21,30 ai Giardini Luzzati, concerto Circo Este La revolucion del amor tour

DOMENICA 7 GIUGNO

 

Mattina

ore 10-13 In piazza Cernaia: Assemblea dei partecipanti alla Biennale per decidere insieme come dare seguito alle tre giornate di Genova. Riusciremo a far nascere una Rete per la Prossimità?

 

Pomeriggio

Conoscere Genova e turismo solidale: Migrantour, organizza due passeggiate interculturali, partenza dalla Commenda arrivo in piazza Don Gallo. La prima con partenza alle h15, la 2° alle 17,00.

E' necessario prenotarsi scrivendo a:

prenotazionimigrantour.genova@viaggisolidali.it

o contattando Rossella Semino 338 4097001

 


 

La segreteria della biennale sarà presente durante gli orari diurni della biennale alla Loggia di Banchi dove trovare mappe e programma aggiornato della manifestazione

 

Cerchiamo volontari per l’allestimento e la gestione di alcuni spazi. Chi fosse disponibile può scrivere a segreteria@prossimita.net 

 


I sostenitori della Biennale

· La Città di Genova

· La Compagnia San Paolo

· La Fondazione Cariplo

I Partner locali

· Banco Popolare

· Promogenova.it

· Radio Babboleo

· Social hub Genova


 

Parlano di noi

 

Da Vita, 21 maggio

Gianfranco Marocchi, co-direttore della Biennale della Prossimità, la tre giorni che sarà in Liguria dal 5 al 7 giugno, racconta a Vita.it «raccogliamo tante formule e soggetti diversi che alla base hanno la stessa idea: i cittadini possono essere risorsa l’uno per l’altro e costruire insieme risposte per tutti»

 

Una grande kermesse di contenuti, storie da raccontare, workshop, aperitivi con ospite, performance artistiche, spettacoli teatrali e, per finire, una mega-cena condivisa di quartiere. Tre giorni dedicati a un racconto collettivo su come è possibile, anche in Italia, rispondere a bisogni sempre più vari e complicati, quasi mai coincidenti con le categorie rigide delle burocrazie. E come questa risposta possa coincidere con la costruzione di nuove relazioni con le istituzioni, in cui il soggetto destinatario è co–protagonista della risposta. Un appuntamento nazionale dedicato interamente alle comunità locali, alle persone e ai loro bisogni guardati in un'ottica di prossimità. Ne abbiamo parlato con Gianfranco Marocchi, co-direttore nazionale dell’evento.

 

Cos'è la prossimità? 

È quando delle persone raccolgono la sfida di interessarsi di quanto gli sta intorno e cercare soluzioni ai problemi comuni. Ma non si tratta solo di una dimensione personale, .... È un approccio che spesso si trova anche nella sfera pubblica, dei problemi legati a vie, quartieri o comuni. Abbiamo scoperto in questi mesi di preparazione come siano in tantissimi i cittadini che trovano risposte a bisogni quotidiani e fondamentali. 

Come nasce questo appuntamento...? 

L’idea è nata guardando alla realtà. Cooperative, associazioni, gruppi di cittadini che propongono soluzioni in tanti campi dagli acquisti collettivi, al bisogno di cibo e di beni primari, fino alla casa e al co-housing, alla qualità della vita, alla mutualità, alla cittadinanza, al credito, alla rigenerazione urbana, all’imprenditorialità sociale e alla salute. Tante formule e soggetti diversi che alla base hanno la stessa idea: i cittadini possono essere risorsa l’uno per l’altro e costruire insieme risposte per tutti. Così è nata l'idea di fare al di fuori di ogni canale precostituito una chiamata alle realtà che della prossimità hanno fatto un modo di lavorare.

In quanti parteciperanno? 

Alla chiamata hanno risposto 120 tra associazioni cooperative e fondazioni da tutta Italia che accoglieranno in 20 piazze i visitatori. Non ci sono grandi nomi. La Biennale sarà il “luogo” dove chiunque avrà la possibilità di raccontare le proprie esperienze di prossimità e coinvolgere altre organizzazioni e la cittadinanza. L'aspetto principale è quello della condivisione. È un evento di tre giorni in cui ci sono solo tre ore di convegni e seminari. Il resto sarà cene in strada, ritrovi in piazza, testimonianze, mostre, reading, performance, laboratori ed esposizioni.

Ti segnaliamo  

Politiche sociali e Diritti

Migranti

Impresa

Terzo settore - imprenditorialità sociale

Lavoro

Italia