Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie policy.
Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed

L’Italia è una costellazione di territori accoglienti. Cittadine e paesi dove l’arrivo di richiedenti asilo, rifugiati e detentori di varie forme di protezione internazionale ha stimolato la sperimentazione di inedite forme dell’abitare in grado di rispondere a più bisogni, ha ridato vita a paesi spopolati, ha rigenerato spazi, edifici e campi abbandonati, ha rilanciato professioni a rischio di estinzione, ha recuperato economie e risorse non utilizzate e ha dato vita a innovative forme di inclusione sociale e lavorativa con un impatto importante sull’economia locale, sull’occupazione e sul welfare. Iniziative, queste, diffuse da Nord a Sud: dal Trentino alla Sicilia passando per l’Appenino, dalla Carnia alle valli di Lanzo. Realizzate grazie all’opera di mediazione di tante organizzazioni del Terzo Settore e grazie agli enti locali, che hanno saputo coinvolgere attivamente i propri abitanti, molti di questi laboratori d’innovazione sociale sono spesso poco conosciuti.  Ecco perché è da questi territori che vogliamo ripartire.

Nello specifico i temi trattati saranno 5:

  • Strategie per favorire l’inserimento lavorativo
  • Forme dell’abitare innovative
  • Aree rurali e montane: quando l’accoglienza genera sviluppo
  • Pubblica amministrazione e terzo settore: quali relazioni?
  • Accoglienza e gestione dei conflitti

Dove: Dipartimento di Sociologia e ricerca sociale - via Giuseppe Verdi 26, Trento.

Quando: sabato 24 novembre 2018.

Orario: 9-14

Promotori: Euricse, COST, Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale, Università di Trento, Consorzio Nazionale Idee in Rete.

Iscrizioni: per partecipare è necessario iscriversi e indicare la sessione d’interesse. La partecipazione è gratuita

 

Programma della giornata:

 

Sessione d’apertura

 9:30-10:30

Aula “Bruno Kessler”, Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale

Silvio Fedrigotti (Provincia Autonoma di Trento, dipartimento Salute e solidarietà sociale)

Gianfranco Schiavone (ASGI): Introduzione su sistema accoglienza e territori accoglienti

Paolo Boccagni (Università di Trento)/Giulia Galera (Euricse)/R. Nogales (EMES): Presentazione dei risultati del seminario COST Tackling the migration and refugee challenge, promosso dalla Rete di Ricerca Internazionale EMES in collaborazione con Euricse e l’Università degli Studi di Trento. I partecipanti si confronteranno sul contributo del Terzo Settore nella promozione di: innovative strategie di inclusione sociale e lavorativa, nuove forme dell’abitare, processi di inclusione nelle aree rurali e montane e forme di collaborazione con gli enti pubblici. Presentazione della metodologia del workshop.

Modera: Gianfranco Marocchi (Idee in Rete)

Esperta che contribuirà alla stesura del Libro Bianco dell’accoglienza:

Michela Semprebon (Università IUAV)

 

Sessioni parallele

10:30-12:30

 

Strategie per favorire l’inserimento lavorativo

Facilitatore: Riccardo Salomone (Agenzia del Lavoro, Trento)

Esperti che contribuiranno alla stesura del Libro Bianco dell’accoglienza:

Alessandra Corrado (Unical); Francesca Calò (Glasgow Caledonian University).

Buone pratiche presentate:

Cooperativa sociale Cramars (Tolmezzo, UDINE); Consorzio “Consolida” (Trento); Cooperativa sociale “Barikamà” (Roma); Cooperativa sociale Maramao (Asti); Cooperativa agricola “Germinale” (Demonte, CUNEO); Centro Astalli (Trento).

 

Forme dell’abitare innovative

Facilitatore: Marco Gargiulio, Consorzio nazionale Idee in Rete

Esperti che contribuiranno alla stesura del Libro Bianco dell’accoglienza:

Paolo Boccagni (Università di Trento); Federica Dalla Pria (Fondazione Langer)

Buone pratiche presentate:

Comune di Trento, progetto “Accoglienti” (Trento); Refugees Welcome (Italia); Famiglia Calò (Treviso); Cooperativa “Città Solare” (Padova)

 

Aree rurali e montane: quando l’accoglienza genera sviluppo

Facilitatore: Raul Daoli (Federazione Trentina della Cooperazione)

Esperti che contribuiranno alla stesura del Libro bianco dell’accoglienza:

Andrea Membretti (Eurac); Cristina del Biaggio (University Grenoble-Alpes).

Buone pratiche presentate:

Consorzio Fantasia (Berceto, PARMA); Associazione “Pacefuturo (Pettinengo, BIELLA); Comune di Latronico (Latronico, POTENZA); Rise Hub (Villa Latina, FROSINONE); Comune di Fontanigorda (Genova); Consorzio socio-assistenziale Con.I.S.A. (Susa, TORINO).

 

Pubblica amministrazione e terzo settore: quali relazioni?

Facilitatore: Felice Scalvini

Esperti che contribuiranno alla stesura del Libro Bianco dell’accoglienza:

Giulia Galera (Euricse); Leila Giannetto (Fieri/Euricse)

Buone pratiche:

Cooperativa sociale “K-Pax” (Breno, BRESCIA); PIAM associazione (Asti); Comune di Santorso (VICENZA); Consorzio “Il Sale della Terra” (Benevento); Cinformi (Trentino); Associazione “Comuni virtuosi” (Italia).

 

Come gestire i conflitti a livello locale

Facilitatrice: Marianella Sclavi (Fondazione Langer/Ascolto Attivo)

Esperti che contribuiranno alla stesura del Libro Bianco dell’accoglienza:

Giulia Li Destri Nicosia (Università La Sapienza); Jacopo Sforzi (Euricse)

Buone pratiche:

Cooperativa sociale Cadore (Cadore, BELLUNO); Consorzio “Farsi Prossimo” (Milano); Teatro Povero di Monticchiello (Monticchiello, SIENA); Cooperativa sociale “Lai-momo” (Sasso Marconi, BOLOGNA); ATAS (Trento); RECOSOL (Italia).

 

 Sessione conclusiva

 12:30-14

 

Tavola rotonda:

Cosimo Palazzo, direttore Area Emergenze Sociali del Comune di Milano;

Giusto Della Valle, parrocchia di Rebbio, COMO;

Stefano Granata, presidente Federsolidarietà;

Matteo Biffoni, sindaco di Prato, presidente ANCI Toscana, delegato ANCI per le politiche migratorie;

Anna Fasano, vicepresidente Banca Etica

Modera: Carlo Borzaga (Euricse/Università degli studi di Trento)

Esperti che contribuiranno alla stesura del Libro Bianco dell’accoglienza:

Daniela Luisi (SNAI); Giorgia Trasciani (Università degli studi di Napoli, Università Aix en

Login Form