Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie policy.
Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed

Nel 66,7% dei casi le persone interpellate,  giudicano “molto” importante che gli indicatori di impatto vengano considerati in una valutazione di social procurement.

Non a caso, sono in prevalenza i rappresentanti delle aziende profit a scegliere questa opzione. Oggi infatti, le resistenze maggiori al social procurement sono riconducibili ad un preconcetto sull’efficienza del terzo settore; le imprese profit pensano che le organizzazioni non profit non siano sempre all’altezza di soddisfare le richieste. Un’evidenza sull’impatto sociale generato delle forniture sociali, può accompagnare positivamente percorsi di consapevolezza.

L’indicatore rappresenta un dato di sentiment a partire dalle valutazioni di un pubblico già sensibile al tema del social procurement, suddiviso tra responsabili di organizzazioni non profit e responsabili acquisti e CSR manager di aziende profit del centro nord Italia.

Login Form