Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie policy.
Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed

In attesa di vedere gli sviluppi del disegno di legge, che inizierà l'esame alla Camera il 23 maggio, ecco alcuni indicatori di conoscenza e sentiment provenienti dai dati Osservatorio Isnet, 9° edizione. Per quanto riguarda i livelli di conoscenza, l’iter legislativo della Riforma del Terzo Settore è seguito da più di 8 imprese su 10, (un  buon segnale del livello complessivo di attenzione e coinvolgimento delle organizzazioni). Tra le imprese sociali, sono le cooperative sociali, le associazioni e le fondazioni a registrare i livelli di conoscenza più alti con valori assimilabili a quelli del panel di cooperative sociali. Viceversa sono le imprese a base capitalistica (Srl e Spa) e a base sociale (Sas e Snc, perlopiù scuole) le organizzazioni che mostrano minor attenzione al tema Riforma del Terzo Settore.

"Sa che è in fase di discussione in parlamento la riforma del terzo settore?”

Sull’impresa sociale i pareri sono divergenti, tra aspetti positivi ed  elementi di criticità. La governance allargata e la possibilità di distribuire gli utili sono gli aspetti a più elevata criticità: il rischio, secondo il parere di una porzione del campione,  è che l’impresa sociale snaturi la propria identità a favore di modelli di impresa profit . Su questi aspetti si rileva una convergenza di valutazioni tra le cooperative sociali imprese sociali e il panel di cooperative sociali.

Inoltre, l’attribuzione automatica della qualifica di impresa sociale raccoglie pareri negativi da parte delle cooperative sociali che hanno già la qualifica di impresa sociale, poiché ritengono sia discriminatorio rispetto ai processi che in primis hanno dovuto sostenere per ottenere la qualifica.

Al contrario, le agevolazioni finanziare per le imprese sociali (fondo rotativo, crowfounding, agevolazioni fiscali per investitori) e l’estensione delle categorie di lavoratori svantaggiati in conformità con la normativa europea , sono gli aspetti che raccolgono il maggior numero di pareri favorevoli 

Il Panel Isnet è costituito da 400 cooperative sociali e 100 imprese sociali ex Lege – Clicca qui per avere maggiori informazioni sul campione e sulla metodologia dell’indagine.

Login Form