Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie policy.
Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinRSS Feed

Started anche quest'anno ha prodotto un lavoro prezioso. Ha contato piattaforma per piattaforma tutte le campagne, le ha divise per categoria, ci ha lavorato sopra con risultati sempre ottimo. Ha considerato solamente le campagne con esito positivo, dove è avvenuta realmente una transazione economica, escludendo quindi quelle non andate a buon fine. Solo per dare alcuni dati che trovate anche (e in versione completa) nella newsletter del Consorzio IIR:

Sono le piattaforme che in questo blog hanno già trovato collocazione e commenti per la loro eccezionale capacità di accompagnare anche il nostro mondo. Queste insieme alle tante altre nel 2016 hanno costruito una raccolta pari a 90 milioni di euro.

Un bilancio positivo e in netta crescita...più del 35% dell'anno precedente.

E crescono anche e soprattutto le iniziative, tipicamente in forma di donazioni, realizzate in modalità “Do it Yourself”.dove si affacciano sempre di più a questo mercato soggetti istituzionali, grandi aziende, brand e community consolidate che cercano più flessibilità e controllo nel creare una o più campagne di raccolta fondi.

Una cosa importante va aggiunta però all'attenta analisi di started.

Il crowdfunding utilizzato dal terzo settore quando vince, vince 2 volte.

Vince perchè consegna il risultato e la richiesta economica necessaria a “fare” le cose.

Vince perchè “consegna” alla collettività il proprio progetto, la propria idea, il proprio luogo, il proprio servizio. Lo consegna nel vero senso della parola perchè

  • ...perchè si alza il livello di chi contribuisce....vengono ingaggiati nuovi compagni di viaggio.
  • ...perchè si sviluppano processi che escono dall'unidirezionale percorso “aiutato-chi aiuta” sconfinando verso modelli di aiuto e di servizio che circolano e che sviluppano processi circolari, virtuosi che mettono nel mezzo persone, cittadini, economie senza il necessario passaggio o di tipo Ente pubblico/utente o di tipo ente erogatore/assistito.
  • ...perchè fa spostare e assumere una nuova postura modificando il nostro punto di operatività da dentro i servizi a nel mezzo alla comunità.

E' questa seconda vittoria che a me pare il più grande risultato.

 

Login Form