NotizieInRete 459 - 28/11/2017

Newsletter del  Consorzio Nazionale Idee in Rete

Non vedo bene la newsletter, la consulto sul web - La invio ad un amico - La condivido su 

I blog di Idee in Rete

www.ideeinrete.coop 

info@ideeinrete.coop 

Ti segnaliamo

Forum non autosufficienza: 
il 6° Rapporto

L'inserimento lavorativo nella Riforma del Terzo settore

Terzo settore - imprenditorialità sociale

 

Politiche sociali e Diritti

 

Lavoro

 

Impresa

 

Salute

 

Migrazioni

 

Italia e mondo

Presentato a Bologna nell'ambito del Forum non autosufficienza organizzato da Maggioli il 6° Rapporto sugli anziani non autosufficienti in Italia curato dal Network Non Autosufficienza e promosso dalla Fondazione Cenci Gallingani. 

Dopo un lungo periodo di moderata crescita della spesa per la non autosufficienza con la crisi economica si è entrati in una condizione di incertezza il cui esito dipende in gran parte da come questo tema sarà posto all'attenzione del dibattito politico. Il Rapporto evidenzia le questioni di maggior rilievo rispetto alla non autosufficienza come la necessità di offrire alle famiglie strumenti per conoscere e percorrere adeguatamente la rete dei servizi e la necessità di agire rispetto al legame tra non autosufficienza e impoverimento delle famiglie, ben richiamato anche in questo articolo di Redattore Sociale

 

 

Welforum: Osservare per riorientare le politiche sociali

A Roma il 28 novembre presso il CNEL si svolge il convegno organizzato da ARS e Welforum "Osservare per riorientare le politiche sociali - Riforme da attuare e riforme da introdurre".

Al centro della discussione analisi e proposte sulla povertà e sulla non autosufficienza, e di priorità nelle politiche sociali. L’evento apre la serie dei seminari che accompagneranno welforum.it, sito di monitoraggio, valutazione e proposta sulle politiche sociali.

Le sessioni tematiche sono le seguenti:

  • Contrasto alla povertà: REI, riforma da attuare

  • Non autosufficienza e disabilità: una riforma da introdurre

  • Quali sono le priorità nelle politiche sociali per la conclusione dell’attuale e per la prossima legislatura, su cui Welforum deve continuare a puntare l’attenzione con analisi e proposte?


Francesca Pruiti Ciarello, cooperatrice palermitana della nostra rete, pubblica su Welforum "Come prepararsi ad accogliere migranti", estratto dall'articolo presentato sul numero 4/2017 di Welfare oggi


 

18° Happening: di cosa si parlerà a Palermo

di Elisa Furnari

Leggi l'articolo su ideeinrete.coop


L'Happening della Solidarietà è un evento annuale che la Rete Sol.Co organizza dal 2000, quale occasione di incontro e dibattito sulle politiche di welfare e che coinvolge ogni anno una città siciliana. In questi anni l'Happening della Solidarietà è cresciuto progressivamente di importanza diventando in Sicilia, anche per l'alto valore scientifico degli interventi, l'appuntamento più significativo e consolidato nel panorama delle iniziative mediterranee volte a promuovere le azioni delle realtà del Terzo Settore.

Oltre che per gli operatori del settore, i cittadini e il privato sociale organizzato, l'Happening della Solidarietà è un momento di approfondimento e dibattito per gli Enti locali e gli amministratori, in virtù di una progettata capacità di condensare profili tecnici e socio-politici, offrendo non solo un'opportunità di dialogo ma anche di co-programmazione delle politiche di welfare e di sviluppo locale. 

Il tema scelto per questa 18° edizione è "Coesioni culturali, per una nuova economia del lavoro e dello sviluppo" che abbiamo scelto di affrontare poiché riteniamo che nessuna riforma del sistema economico e produttivo del possa essere realizzata senza una profonda trasformazione culturale.

Cultura che influenza i processi, che orienta le norme e che alimenta e concima lo sviluppo. Il filo rosso di questa edizione, nell'anno in cui Palermo si appresta a raccontarsi come Capitale della Cultura, sono le coesioni culturali, sono le propensioni delle comunità a facilitare i processi di sviluppo perché di questi ne divengono protagoniste. 

L'evento sarà articolato in quattro sessioni a partire dalla mattina del 30 novembre. 

La prima intitolata "Culture Coesive: Costruire un lavoro Libero, creativo, partecipativo, solidale" costituisce un focus di prestigio sul tema del lavoro, a poco più di un mese dallo svolgimento delle settimane sociali dei cattolici Italiani incentrate su questo tema e con un sistema di politiche attive del lavoro che - ancora in rodaggio - stenta a dare i primi frutti , ripercorreremo aspetti valoriali e tecnici di quello che, specie per la cooperazione sociale è il principale strumento di espressione dell'identità dell'uomo. 

Nel pomeriggio a partire dalle 15.30 si svolgerà una sessione dedicata a "Povertà culturale e povertà materiale, il welfare italiano al bivio" curata insieme all'"Alleanza Contro le Povertà in Italia" nella quale verranno analizzati e approfonditi gli strumenti appena varati e alcune best practice messe già in campo per il contrasto alla povertà materiale e culturale.

La seconda giornata, il 1 dicembre, verrà aperta da un focus sul tema delle migrazioni. Dopo la visione di "Invisibili" video-inchiesta realizzata d Floriana Bulfon e Cristina Mastrandrea per UNICEF si aprirà l'approfondimento "Noi non li vogliamo, ma….." il cui titolo prende spunto da una recente intervista rilasciata da S.E. il Cardinale Montenegro ad Avvenire. Questo momento mira a trattare il tema delle migrazioni in maniera costruttiva, allontanandoci da un dibattito spesso sterile e concentrandoci sui valori della vera accoglienza e sulle migliorie che possono essere apportate agli strumenti e ai meccanismi di accoglienza oggi applicati nel paese.

Infine, nel pomeriggio del 1° dicembre due sessioni formative. La prima dedicata alla legge di riforma del Terzo Settore, intitolata "Coesioni Culturali, un terzo Settore riformato che ridisegna le economie". La seconda dedicata al tema del Dopo di Noi con un approfondimento sulle best practice già esistenti e sui decreti attuativi e quindi le possibilità di sviluppo sociale di questa attività intitolata "Il Dopo di Noi: dalla legge 112/2016 ai decreti attuativi".

Nella sera del 30 novembre in virtù di un partenariato con la Fondazione The Brass Group offriremo alla cittadinanza all'interno dello stesso Teatro un concerto Jazz.

Tutto l'appuntamento ha un respiro nazionale garantito anche dalla caratura degli interventi previsti in programma e riceverà l'attenzione della stampa generalista e di settore. A tal proposito alleghiamo alla presente due articoli estrapolati dalla rassegna stampa della 17° edizione che si è svolta lo scorso anno a Catania.

 

 

di Gianfranco Marocchi

Leggi l'articolo anche su ideeinrete.coop

Articolo pubblicato su Welforum il 21/11/2017


Tra i vari aspetti sui quali è intervenuta la Riforma del Terzo settore vi è una diversa configurazione delle azioni tese a favorire l’occupazione di lavoratori svantaggiati. L’analisi è affrontata a partire dal tipo di intervento, verificando per ciascuno in cosa eventualmente la riforma introduca delle novità. In primo luogo suddividiamo quindi il possibile campo di azione in due ambiti:

  1. I casi in cui l’occupazione dei lavoratori svantaggiati è favorita tramite servizi (es. sostenere la persona nella ricerca di lavoro, insegnargli a fare un curriculum, redigere il bilancio di competenze, ecc.);

  2. I casi in cui l’occupazione dei lavoratori svantaggiati è attuata grazie al fatto che un soggetto, in coerenza con la propria specifica mission, assume nel proprio organico tali lavoratori in una quota minima definita dalla legge.

1. Favorire l’occupazione tramite servizi

Prima della Riforma del terzo settore questo tipo di azione non era contemplata tra quelle tipiche dell’impresa sociale (D.Lgs 155/2006) né della cooperazione sociale (l. 381/1991). Il che non significa che, soprattutto con riferimento alle cooperative sociali e ai loro consorzi, tale attività non venisse di fatto svolta, in taluni casi aggiungendo alle attività di base prima richiamate anche attività di incontro tra domanda e offerta di lavoro soggette a specifiche autorizzazioni.

Con la Riforma sia le cooperative sociali di tipo A che le imprese sociali diverse dalle cooperative sociali possono svolgere in modo “ufficiale” questo tipo di attività; ovviamente laddove esse comprendessero anche azioni soggette ad autorizzazione come i servizi di collocamento o la somministrazione, continuano ad essere necessarie le autorizzazioni previste come per ogni altra impresa. I servizi volti a favorire l’occupazione possono essere svolti anche da Enti di Terzo settore non imprenditoriali, ad esempio un’organizzazione di volontariato, essendo riconosciute come “di interesse generale” e quindi compatibili con l’iscrizione al Registro del Terzo settore.

Sia le cooperative sociali di tipo A che le altre imprese sociali realizzano un’attività di interesse generale offrendo servizi per l’occupazione a qualsiasi categoria di lavoratori svantaggiati elencata nella successiva tabella.

 

2. Inserire al lavoro persone svantaggiate

Questa azione consiste nel realizzare una qualsiasi attività di impresa assumendo almeno il 30% di persone svantaggiate; ciò corrisponde a quanto previsto già prima della Riforma sia per le cooperative sociali di inserimento lavorativo che per le imprese sociali. Cosa cambia dunque ora?

Per le cooperative sociali di inserimento lavorativo, nulla: il loro organico è formato per almeno il 30% da lavoratori svantaggiati che continuano ad essere quelli dell’art. 4 della legge 381/1991 (vedi tabella sotto, al punto 5) e per essi vale la fiscalizzazione totale degli oneri sociali: in sostanza l’impresa non versa i contributi ma i lavoratori maturano la pensione perché lo Stato li versa al posto suo; o, in altre parole, la cooperativa sociale beneficia per questi lavoratori di una significativa riduzione del costo del lavoro, stimabile nella maggior parte dei settori produttivi tra il 35% e il 40%.

E per le imprese sociali diverse dalle cooperative sociali di inserimento lavorativo?

Già nel 2006 tra le attività delle imprese sociali vi poteva essere l’inserimento lavorativo; rispetto alle persone svantaggiate i cambiamenti sono abbastanza limitati; la loro definizione è aggiornata (e ampliata) rispetto a quanto previsto nella precedente normativa e oggi un’impresa sociale di inserimento lavorativo per essere tale deve avere:

  • in totale, il 30% dei lavoratori nelle condizioni elencate nella tabella (punti da 1 a 5);

  • tra questi, i lavoratori indicati al punto 1 non possono essere più di un terzo del totale degli svantaggiati; gli altri due terzi (quindi almeno il 20% del totale dei lavoratori) dovranno avere le caratteristiche dei punti 2, 3, 4, 5.

Tabella - Chi sono i lavoratori svantaggiati

 

1.Lavoratori molto svantaggiati: disoccupati da almeno 24 mesi; disoccupati da 12 mesi se:

  • con un’età compresa tra i 15 e i 24 anni;

  • non sono diplomati o hanno completato la formazione da due anni senza avere trovato lavoro;

  • con età superiore ai 50 anni; soli con figlio a carico;

  • lavora in contesti ove il suo genere (uomo o donna) è fortemente sotto rappresentato;

  • appartiene ad una minoranza etnica e necessità di rafforzare la formazione linguistica e professionale;

2.Rifugiati o richiedenti protezione internazionale;

3.Persone senza fissa dimora;

4.Persone inserite nel collocamento mirato della legge 68/1999

5.Svantaggiati ex art. 4 381/1991:

  • disabili fisici, psichici e sensoriali

  • tossicodipendenti e alcolisti

  • persone in trattamento psichiatrico

  • minori a rischio in età lavorativa detenuti

 

Rispetto alle misure incentivanti, l’impresa sociale non dispone di incentivi specifici per ridurre il costo del lavoro degli occupati svantaggiati ma, a differenza della normativa del 2006, gode comunque, indipendentemente dall’attività sociale svolta, di alcuni rilevanti facilitazioni fiscali: le è riconosciuta infatti la non imponibilità dell’utile con un meccanismo analogo a quello delle cooperative sociali, è fortemente incentivata la sottoscrizione di capitale e può avvalersi di specifici strumenti che facilitano l’accesso al credito e al capitale.

L’insieme di queste disposizioni va in sostanza a creare una situazione in cui:

  • la cooperativa sociale si dedica alle forme di svantaggio più gravi, in cui la limitazione delle capacità lavorative è presumibilmente maggiore, potendo per questo godere di una riduzione del costo del lavoro per gli occupati svantaggiati;

  • l’impresa sociale si dedica, almeno in parte, a forme di svantaggio più lievi e più comuni senza godere di alcuna riduzione del costo del lavoro specifica, ma beneficiando in quanto impresa di inserimento lavorativo dei benefici fiscali riservati alle imprese sociali. Rispetto al costo del lavoro va comunque considerato che sono in vigore una pluralità di provvedimenti che incentivano le nuove assunzioni per tutte le forme di impresa e che ragionevolmente risultano applicabili nella maggior parte delle assunzioni di persone svantaggiate anche da soggetti diversi dalle cooperative sociali.

Affidamenti per l’inserimento lavorativo

Infine è utile spendere qualche parola per un provvedimento approvato negli stessi mesi della Riforma del Terzo settore e cioè il Nuovo Codice degli appalti (D.Lgs 50/2016); all’art. 112 esso aggiorna e migliora le procedure per l’affidamento di appalti e concessioni riservate a imprese che impieghino – a seconda della scelta dell’ente appaltante, o nella commessa specifica o nel complesso del proprio organico – almeno il 30% di “lavoratori svantaggiati”, definizione che in questo caso comprende solo le ultime due categorie della tabella, cioè gli svantaggiati ai sensi della legge 381/1991 e le persone con disabilità al collocamento obbligatorio.

Rimangono possibili in ogni caso gli affidamenti basati sull’art. 5 della legge 381/1991 che sotto la soglia comunitaria (comma 1) possono essere affidati, in deroga ad altre normative in materia di contratti della pubblica amministrazione, a cooperative sociali, mentre sopra soglia (comma 4) possono essere affidati a qualsiasi impresa attraverso tali commesse realizzi l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate (in entrambi i casi intendendo solo quelle previste dalla legge 381/1991).

Resta fermo quanto detto prima rispetto al favor: le cooperative sociali di inserimento lavorativo dispongono sia della fiscalizzazione degli oneri sociali, sia delle misure premiali connesse all’essere impresa sociale; le imprese sociali potranno godere solo delle seconde; un’impresa non sociale che partecipasse ad una procedura di appalto riservato ed D.Lgs 50/2016 o ad una convenzione ex legge 381/1991, comma 4, non godrebbe di alcun beneficio diverso da quelli eventualmente previsti per le assunzioni per qualsiasi impresa.

Questa graduazione è coerente con l’assetto che esce dalla norma:

  • la cooperativa sociale si sottopone a un regime vincolistico tipico dell’ente di terzo settore e inserisce le categorie più “difficili” e ha pertanto una premialità maggiore;

  • l’impresa sociale non cooperativa di inserimento lavorativo sociale si sottopone a un regime vincolistico tipico dell’ente di terzo settore ma inserisce una pluralità di categorie svantaggiate, comprese quelle in cui la diminuzione della capacità lavorativa è più limitata e gode di una premialità intermedia;

  • l’impresa non sociale che voglia cimentarsi con l’inserimento lavorativo può competere entro le procedure che la pubblica amministrazione indice a tal fine – e questo costituisce comunque un riconoscimento della sua sensibilità sociale – ma senza specifiche altre premialità.